IL RICORDO DEI PATRIOTI DELLA BRIGATA OSOPPO AL BOSCO ROMAGNO

Il 21 giugno 1945 si tennero a Cividale del Friuli i solenni funerali dei patrioti della Brigata Osoppo, presi prigionieri alle Malghe di Porzus il 7 febbraio e poi uccisi a piccoli gruppi nei giorni successivi nella zona del Bosco Romagno. Di questa insensata tragedia si resero responsabili i reparti dei GAP comandati da Mario Toffanin tristemente noto con il nome di “Giacca”. Come ogni anno l’APO ricorda questi eroici combattenti che si trovarono un inaspettato nemico: pensavano che il pericolo arrivasse dai tedeschi e dai fascisti, invece si trovarono sommariamente processati, condannati e uccisi da coloro che avrebbero dovuto condividere gli ideali di libertà e di democrazia.

Quest’anno la celebrazione sarà articolata su due momenti:

 

Sabato 29 giugno a Novacuzzo di Prepotto alle ore 18,30 presso l’Azienda Agricola RoncSoreli, lo scoprimento della lapide in ricordo di Guido Pasolini e degli altri osovani uccisi in quei luoghi

 

Domenica 30 giugno, presso l’area di ingresso al Parco del Bosco Romagno, a Cividale del Friuli, con inizio alle ore 10:30 si terrà la cerimonia commemorativa:

 

SI ALLEGANO LE DUE LOCANDINE SCARICABILI

Dove e quando:
CiNovacuzzo di Prepotto e Cividale del Friuli Bosco Romagno
SABATO 29 GIUGNO E DOMENICA 30 GIUGNO 2024

CELEBRATO IERI A UDINE IL 250° ANNIVERSARIO DI FONDAZIONE DELLA GUARDIA DI FINANZA

Celebrato ieri a Udine, nella Loggia del Lionello di Piazza della Libertà il 250° anniversario della fondazione della Guardia di Finanza, alla presenza di massime autorità: il sindaco di Udine, Alberto Felice De Toni, il presidente del Consiglio Regionale Mauro Bordin, il Prefetto dott. Domenico Lione, il Questore dott. Alfredo D'Agostino, l'arcivescovo mons. Riccardo Lambia, il comandante provinciale dell'Arma dei Carabinieri col. Orazio Ianniello, oltre alla movm Paola Del Din. Presenti numerosi sindaci, rappresentanza delle Associazioni combattentistiche e d'arma. Gli onori di casa sono stati fatti dal Comandante Provinciale della Guardia di Finanza colonnello Enrico Spanò il quale ha ricordato il ruolo fondamentale svolto dalle Fiamme Gialle in questi 250 anni di attività. Ruolo assolutamente determinante anche nella attualità a difesa del patrimonio pubblico.

 

Dove e quando:
UDINE - LOGGIA DEL LIONELLO
mercoledì 26 giugno 2024

DOMENICA 23 GIUGNO IL RICORDO DI MASO A MALGA CJAMP

Domenica 23 giugno si terrà a Malga Maso (già malga Cjamp) in comune di Budoia il ricordo del Capitano degli alpini, Pietro Maset, medaglia d’oro al valor militare. La cerimonia avrà inizio alle ore 9:30 con il raduno dei partecipanti e la salita al cippo. Alle 10:30 verrà celebrata la santa messa presso la malga. A seguire gli interventi di saluto della amministrazione comunale di Budoia, del Presidente dell’APO e infine della orazione ufficiale.Alla conclusione un momento conviviale che avrà luogo sempre presso la malga.
Dove e quando:
Malga Ciamp - comune di Budoia
DOMENICA 23 GIUGNO 2024
ore 9,30

4 GIUGNO 1944: ROMA VIENE LIBERATA

Quanto successe nella notte fra il 4 ed il 5 giugno 1944 smentì tutte le fosche previsioni dei giorni precedenti: accadde infatti che mentre i soldati della Wermacht lasciarono la città di Roma prendendo le vie che portano a Nord, le truppe Alleate entravano nella città eterna da Sud senza che si verificassero scontri distruttivi nelle vie della città; Roma dopo quasi nove mesi di occupazione tedesca era liberata! Questo positivo esito venne attribuito, allora e in anni successivi, alle sotterranee trattative fra tedeschi, Vaticano e Alleati, contatti e trattative che certamente vi furono.

Ma il popolo romano, che ben conosce il vizio degli uomini di vantare meriti a proprio vantaggio, ritenne che questa liberazione senza spargimento di sangue fosse dovuta in buona parte all’intercessione della Beata Vergine Maria “Salus Popoli Romani”: infatti il giorno successivo una folla straripante si riversò in piazza San Pietro.

(Il testo integrale dell'articolo sarà disponibile sul prossimo numero della newletter PAI NESTRIS FOGOLARS)

Dove e quando:
Roma
4 - 5 giugno 1944

IL PROGRAMMA DELLE CELEBRAZIONI DELLA FESTA DELLA REPUBBLICA A UDINE

Il programma delle celebrazioni della Festa della Repubblica a Udine, promosse dal Comune e dalla Prefettura, viene illustrato nella allegata locandina.
Dove e quando:
Udine
Domenica 2 giugno 2024

SABATO 1° GIUGNO PRESENTAZIONE AD ATTIMIS DEL LIBRO SU VINICIO LAGO, IL PARTIGIANO DELLA OSOPPO UCCISO IL 1° MAGGIO 1945

Sabato 1° giugno, alle ore 11,30 ad Attimis, presso la Sala Padre Tristano d’Attimis, in via Principale, 82, l’Associazione Partigiani Osoppo presenterà il libro “VINICIO LAGO La verità sospesa” di Andrea Legovini, giovane ricercatore triestino che ha svolto una lunga e complessa indagine per ricostruire la morte di Vinicio Lago, partigiano della Osoppo incaricato di tenere i collegamenti con gli Alleati, ucciso in viale Palmanova a Udine il 1° maggio del 1945, quando la città fu liberata dai tedeschi.

 

Dove e quando:
ATTIMS - Auditorium "Padre Tristano d'Attimis"
Sabato 1° giugno 2024
ore 11,30

MATTARELLA HA RICORDATO A BRESCIA IL 50° ANNIVERSARIO DELLA STRAGE DI PIAZZA DELLA LOGGIA

La città di Brescia ha ricordato il 50° anniversario della strage di Piazza della Loggia. Con il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha reso omaggio agli 8 morti e ai 102 feriti della bomba scoppiata il 28 maggio del 1974. Il Capo dello Stato ha deposto una corona di fiori alla stele che ricorda i caduti in piazza della Loggia. Ha quindi raggiunto il Teatro Grande dove ha incontrato i parenti dei caduti e ha fatto il suo intervento di saluto alla città. In piazza era presente anche Franco Castrezzati, il sindacalista oggi 98enne che stava parlando in piazza quando - alle 10,12 del 28 maggio - esplose l'ordigno. Le indagini sul tragico evento hanno confermato la origine neofascista dell'attentato.

Dove e quando:
Brescia - Piazza della Loggia
28 maggio 1974- 28 maggio 2024

A DIECI ANNI DALLA SCOMPARSA L'APO ACQUISISCE UN' ULTERIORE PARTE DELL'ARCHIVIO DI ADRIANO DEGANO

Il 18 maggio ricorre il decennale della scomparsa di Adriano Degano, personalità di grande rilievo, noto soprattutto per essere stato per 40 anni Presidente del Fogolâr Furlan di Roma. Nato a Povoletto il 16 settembre 1920, partecipò alla Resistenza nella Divisione Garibaldi Natisone, esperienza che ha riportato, assieme ai suoi ricordi più significativi, nel libro del 2009 “Paulêt mi sovèn…Povoletto mi ricorda...Storie, fatti, documenti, personaggi” edito da La Nuova Base. Nel 2007 era stato l’autore del volume “Friuli. Natura, geologia, storia, paesaggio e arte”.
Dove e quando:
18 maggio 2024

IL RICORDO DI SILVIO BEORCHIA

Unanime cordoglio ha suscitato la notizia della scomparsa dell’avvocato Silvio Beorchia, originario di Muina di Ovaro, che è stato per un ventennio Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Tolmezzo. Beorchia ha esercitato la professione forense per sessanta anni, tanto che nel 2022 gli venne conferita la “toga di diamante”.
Dove e quando:
TOLMEZZO
14 MAGGIO 2024

IL RICORDO DI DON LUIGI PIVIDORI A SESSANTA ANNI DALLA SCOMPARSA

Don Luigi Pividori era nato a Tarcento nel 1904. Divenuto sacerdote fu dapprima cappellano a Tissano e poi a Reana, fino al 1941 quando fu nominato parroco di Vergnacco. In tale frazione del Rojale, rimase fino alla sua morte: ventitré anni che furono caratterizzati dalla sua straordinaria figura di pastore. Durante i terribili mesi della Guerra di Liberazione la sua canonica era diventata punto di riferimento e di ospitalità: il Rojale e soprattutto Vergnacco vennero a trovarsi nell’epicentro delle attività partigiane e quindi non mancavano le conseguenti rappresaglie dei tedeschi. Vergnacco si trova a poche centinaia di metri dalla linea ferroviaria Pontebbana ove transitavano i treni carichi di deportati inviati nei campi di concentramento tedeschi. Molti riuscivano a fuggire e non poche volte trovavano ospitalità presso la canonica di Pre Vigj.
Dove e quando: